Una novità assoluta a livello regionale è stata presentata a settembre in occasione della Mostra del Cinema di Venezia e il 10 novembre a Verona ha fatto emozionare tutti. Stiamo parlando del “Believe Film Festival”, il primo concorso veronese di cortometraggi dedicato agli adolescenti.

I corti finalisti sono stati proiettati lo scorso sabato sera al Cinema Teatro Alcione. I ragazzi hanno usato il cinema come strumento per veicolare sentimenti nonchè per mettere alla prova la propria determinazione e le proprie capacità relazionali: lo scopo è perfettamente riuscito.

L’iniziativa, promossa dal gruppo di giovani “beLIeVE – al servizio del talento”, è nata nell’Oratorio salesiano di Santa Croce ed ha riguardato nello specifico i ragazzi dai 13 ai 19 anni di tutta Italia che avevano voglia di mettersi alla prova attraverso la produzione di un cortometraggio della durata massima di 15 minuti.

I temi da trattare hanno riguardato principalmente l’universo giovanile: dalle relazioni alle amicizie, dai social alla scuola, ma anche argomenti più profondi come la diversità e Dio. Il coordinatore del progetto è don Francesco Da Re.

La giuria era così composta: ricopriva il ruolo del Presidente l’illustre Claudio Gubitosi, direttore e fondatore del Giffoni Experience; altro membro di grande rilievo era la favolosa Fioretta Mari, attrice, direttrice artistica ed insegnante Lee Strasberg Institute New York. E ancora, Christian De Mattheis, regista cinematografico.

Quattro giovanissimi sulle poltrone della giuria: l’attore Ludovico Girardello, il regista e attore Valerio Vanzani, l’attrice Francesca Piroi ed il regista e attore Davide Mogna.

Ospite d’eccezione del Believe Film Festival è stata Ida Elena De Razza – cantante appassionata di cultura irlandese e celtica fin dall’adolescenza e che vanta oggi un enorme bagaglio di esperienze internazionali, album e singoli -, che ha allietato il pubblico dell’evento con una straordinaria esibizione canora “a sorpresa”.

Ida è anche parte del cast di <<Un amore così grande>>, il nuovo film prodotto dalla scaligera A.C. Production di Michele Calì e Federica Andreoli (in co-produzione con la russa Len Cinematografica) dedicato al mondo della lirica e ambientato tra Verona e Sanpietroburgo, che vede la partecipazione amichevole del trio Il Volo.

Fra le special guests della serata di sabato 10 novembre erano presenti anche membri del cast di “Un amore così grande”: appunto Michele Calì, Federica Andreoli insieme all’attrice protagonista del film Francesca Loy.

Dopo le proiezioni, sono stati assegnati quattro tipologie di premi: miglior film, miglior sceneggiatura, migliore recitazione e, da ultimo, il corto più votato dal pubblico.

I primi classificati hanno vinto, inoltre, la possibilità di passare una settimana con una troupe professionale durante una produzione cinematografica.

Oggi per creare il proprio mondo e sperare che qualcuno dei tuoi sogni si avveri occorre coraggio. E questi ragazzi, senza dubbio, ne hanno da vendere! Un grande in bocca al lupo a loro e arrivederci al prossimo anno con don Francesco Da Re e l’imperdibile appuntamento firmato Believe Film Festival.